A- A+
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Guarda il nostro canale su YouTube RSS
Home » News » A Trento nasce un ristorante dedicato ai ragazzi autistici
 
20.11.2013
TRENTINO ALTO ADIGE
A Trento nasce un ristorante dedicato ai ragazzi autistici

TRENTO – “Abbiamo ripreso un vecchio ristorante e l’abbiamo usato per creare un posto dove i ragazzi autistici possono passare del tempo, cucinare e lavorare”. A parlare è Rachele Gottardi, della cooperativa trentina La Ruota e responsabile del progetto che ha visto la riapertura del ristorante “Dal Barba” di Villa Lagarina (Trento). Dalla cucina, all’orto, al giardinaggio: si occuperanno di tutto i 25 giovani coinvolti in questa nuova sfida. “I ragazzi non solo cucinano (preparano infatti loro tutti i nostri primi durante alcuni laboratori nati proprio per insegnargli a fare le tagliatelle), ma servono ai tavoli e curano ogni dettaglio del posto”, racconta ancora Gottardi. Ma, nonostante un personale così speciale, le novità non finiscono qui.

Il tavolo, ad esempio, è apparecchiato con tovagliette stampate ad hoc in Caa (Comunicazione aumentativa alternativa), con disegni che indicano, non solo le giuste posizioni di posate e piatti, ma anche come chiedere qualcosa, come per esempio dell’acqua o il bis. “Con la tovaglietta illustrata non cerchiamo solo di insegnare loro qualcosa – aggiunge Gottardi – ma di spronarli dato che, chi vuole, può anche apparecchiare da sé”.

Un ristorante dunque con e per disabili, senza esclusioni di alcun genere, tant’è che, conclude, “siamo attrezzati ad accogliere famiglie e ragazzi con qualsiasi disabilità, abbiamo a disposizione una navetta adatta al trasporto di persone sulla sedia a ruote e offriamo un servizio di accoglienza dei giovani, nel caso in cui i genitori vogliano lasciarceli per qualche ora, approfittando di fare un giro per il Trentino.

Un sogno questo che si realizza e che mi porto dentro sin dal mio primo lavoro”. E a completare la felicità di Rachele Gottardi, si aggiunge anche la nuova app per tablet che si offre come ausilio alla comunicazione del disabile. Un metodo basato sempre sulla Caa e che permetterà di comunicare al giovane, e non, con gli altri in modo facile. Una barra verticale per scegliere le parole, una orizzontale per i verbi e un’ultima per i simboli generici: con tre semplici click ecco formata la frase che verrà anche ripetuta in audio. L’app però va oltre: oltre a poter essere collegata a un altro sistema operativo e configurata in modo personalizzato, analizza i dati e le statistiche di utilizzo di determinati simboli, in un dato periodo, in modo da poter ottimizzare gli interventi educativi e terapeutici sul disabile. L’applicazione è stata progettata ed è di proprietà dalla start up roveretana Neocogita che si occupa di dispositivi tecnologici per la disabilità. (irene leonardi, fonte: Redattore Sociale, 17 novembre)


Tags: autismo |  inclusione |  ristorante | 



« torna alla lista

CERPA Italia Onlus Sede Legale via Palermo, 23/B - 38122 Trento (I) - tel. +39 0522 1710055
P.Iva 01494480229 - C.f. 96033140227 - Privacy Policy - Credits
Network Cerpa