A- A+
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Guarda il nostro canale su YouTube RSS
Home » News » Balnearia verso un turismo accessibile
 
19.03.2015
TOSCANA
Balnearia verso un turismo accessibile

"Se vogliamo sviluppare il turismo come attività economica dobbiamo davvero e concretamente fare sistema fra amministrazioni, istituzioni e imprenditori impegnandoci per mettere a disposizione di tutti le opportunità che la natura ci offre. Fra queste anche le spiagge che devono essere fruibili da tutte le persone senza distinzioni perché un sistema di ospitalità aperto a tutti crea ricchezza e ricadute generalizzate". Il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani, intervenendo alla tavola rotonda su "L'accessibilità e l'ospitalità alle spiagge per le persone con problematiche di disabilità" organizzata nell'ambito di Balnearia, ha affrontato alcuni dei tanti aspetti legati alla fruibilità e all'eliminazione di ogni barriera sottolineando che "Carrara, che ha ottenuto l'ambita Bandiera Blu per la qualità delle spiagge e delle acque, può andare oltre invitando tutti ad una riflessione sulla possibilità di inserire fra i requisiti per l'ottenimento del riconoscimento anche l'accessibilità delle coste".

L'iniziativa, che ha visto la partecipazione di un numero straordinario di studenti delle scuole medie superiori, aveva come obiettivo quello di aprire un confronto fra i tanti soggetti che devono occuparsi dell'abbattimento delle barriere di ogni genere perché ogni persona abbia gli stessi diritti, compreso quello della libertà di muoversi senza ostacoli o impedimenti.

Su questi concetti e sul lavoro che è stato fatto, ma anche su quello che ancora resta, si è soffermato Massimo Toschi, consulente del presidente della Regione per i diritti dei disabili, sottolineando come anche singoli episodi che portano all'esclusione anche di una sola persona finiscono per essere una sconfitta per tutti. Su questo tema, ma anche su quanto stanno facendo o faranno le amministrazioni locali, sono iniziate le testimonianze degli amministratori che hanno il compito di tutelare i diritti di tutti come il comune di Pietrasanta che, ha sottolineato Italo Viti, assessore all'ambiente, ha fatto proprio il concetto che spiagge e territori che assicurano facilità e libertà di movimento ampliano il numero dei potenziali turisti e creano così business per tutti. Pietrasanta ha fatto una scelta di campo e sta mettendo a punto un progetto per rendere accessibile la spiaggia pubblica a tutti comprendendo, ovviamente anche le persone con problemi di disabilità.

Il sindaco di Massa, Alessandro Volpi, ha messo in evidenza che "il sindaco primo difensore dei disabili può contribuire, con il suo impegno istituzionale, a definire regole che devono essere applicate sul territorio sia attraverso gli strumenti urbanistici sia con indirizzi che devono essere recepiti in funzione della fruibilità dei luoghi. Le spiagge, che sono beni demaniali - ha sottolineato Volpi - soprattutto per il nostro territorio sono una ricchezza che, se sfruttata ancora meglio e messa alla portata davvero di tutti, può contribuire ad ampliare l'offerta turistica e, di riflesso, l'economia".

Delle relazioni inscindibili fra fruibilità dei beni collettivi ed economia del territorio ha parlato Leris Fantini del CERPA Italia illustrando una serie di dati e informazioni a sostegno di un concetto essenziale: aumentare la platea dei fruitori di un bene o di un servizio significa creare business. Per farlo, però occorrono regole e condivisione del progetto da parte di tutti gli attori: associazioni e istituzioni in primis.

Soddisfatto il presidente della consulta Pierangelo Tozzi che, di fronte ad una sala gremita, ha ribadito che la partecipazione è stata "importante perché ci ha permesso di consegnare ai giovani, prima di tutto, ma anche alle istituzioni, una visione ampia di un problema complesso che richiede attenzione e sensibilità per tenere accesi i riflettori su temi delicati e importanti che interessano tante famiglie. Oggi, ha concluso, abbiamo fatto incontrare e confrontare esperienze, conoscenze e sensibilità che possono contribuire a costruire nuove opportunità anche per le attività economiche con una sensibilità nuova che si basa su conoscenze condivise".

Fonte: La Gazzetta di Viareggio del 25-02-2015



Mit der Balnearia zu einem barrierefreien Tourismus

"Wenn wir den Tourismus als eine ökonomische Aktivität entwickeln wollen, dann müssen wir ein wirklich konkretes System zwischen der öffentlichen Verwaltung, den Institutionen und den Unternehmern anstreben. Nur dadurch können wir allen Menschen die Möglichkeiten geben, die uns die Natur eröffnet.
Dazu zählen auch die Strände, die für alle Menschen ohne Unterschiede benutzbar sein müssen, weil Gastfreundschaft für alle Reichtum schafft und Einkommen generiert", so lautete das Grundthema am Runden Tisch, an dem auch CERPA Italia Onlus teilgenommen hat.




« torna alla lista

CERPA Italia Onlus Sede Legale via Palermo, 23/B - 38122 Trento (I) - tel. +39 0522 1710055
P.Iva 01494480229 - C.f. 96033140227 - Privacy Policy - Credits
Network Cerpa