A- A+
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Guarda il nostro canale su YouTube RSS
Home » News » Barriere percettive, come fare progettazione inclusiva
 
29.02.2016
ITALIA
Barriere percettive, come fare progettazione inclusiva

Le barriere percettive possono determinare notevoli difficoltà nella mobilità e nell’orientamento di tutti, non solo delle persone con disabilità visiva. Per riconoscerle e abbatterle non basta applicare alla lettera i regolamenti tecnici, ma bisogna aver compreso davvero il problema. È da queste due considerazioni che prende le mosse “Barriere percettive e progettazione inclusiva”, il nuovo libro di Lucia Baracco, architetta ipovedente e presidente dell’associazione Lettura agevolata, da poco pubblicato da Erickson, che descrive minuziosamente le difficoltà che incontrano le persone che vedono poco, muovendosi nell’ambiente urbano, salendo (ma soprattutto scendendo) le scale, attraversando le strade, spostandosi in grandi spazi come stazioni o aeroporti, usando i mezzi di trasporto, cercando informazioni e altro.

“L’attenzione al tema delle barriere percettive nasce da una personale sensibilità, resa ancor più acuta dal fatto di essere architetto come formazione e persona con una severa patologia visiva – scrive l’autrice nell’introduzione –. Questa combinazione di fattori ha reso urgente il desiderio di mettere a frutto le mie competenze per tentare da un lato di fornire spunti di riflessione sulle innumerevoli criticità con cui chi vede poco o molto poco deve confrontarsi quotidianamente e, dall’altro, offrire qualche suggerimento pratico per superarle”.

Cinque i diversi capitoli in cui è strutturato il libro: il primo introduce al tema dell’ipovisione e alle sue implicazioni in termini fisici, sociali e psicologici; il secondo è sul concetto di “barriera percettiva” in rapporto al più ampio tema dell’accessibilità; il terzo e il quarto trattano le principali criticità che può incontrare una persona con difficoltà visive; il quinto, infine, è dedicato al trasporto pubblico

Centinaia di fotografie illustrano con esempi, sia positivi che negativi, varie situazioni problematiche, spiegando le difficoltà degli utenti, ma anche e soprattutto l’enorme gamma di possibili soluzioni che, con semplici ed economici accorgimenti, consentirebbero di superare efficacemente il problema e di migliorare la vita di tutti, non solo di ipovedenti e non vedenti.

Il libro “Barriere percettive e progettazione inclusiva” fa parte della biblioteca di Cerpa Italia onlus, il cui catalogo sarà presto online. Per informazioni: cerpa@cerpa.org.

Das vor kurzem von Erickson veröffentlichte Buch der sehbehinderten Architektin Lucia Barocco beschreibt sehr genau die Schwierigkeiten, auf die Sehbehinderte treffen, wenn sie sich in der Stadt unterwegs sind, Treppen hinauf oder hinuntersteigen, die Straße überqueren, wenn sie in große Quartiere wie Bahnhöfe oder Flughäfen kommen, Verkehrsmittel benützten oder Informationen suchen usw.


Tags: barriere percettive |  progettazione inclusiva |  lucia baracco | 



« torna alla lista

CERPA Italia Onlus Sede Legale via Palermo, 23/B - 38122 Trento (I) - tel. +39 0522 1710055
P.Iva 01494480229 - C.f. 96033140227 - Privacy Policy - Credits
Network Cerpa