A- A+
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Guarda il nostro canale su YouTube RSS
Home » News » Montecatini: "Il concetto di accessibilità è in continua evoluzione"
 
24.10.2012
TOSCANA
Montecatini: "Il concetto di accessibilità è in continua evoluzione"

Migliorare la qualità di vita e rendere effettivi concetti come partecipazione, sicurezza e libera fruibilità degli spazi. Sono questi gli obiettivi dei Piani per l'Accessibilità che sostituiranno i Piani per l'Eliminazione delle Barriere Architettoniche, i cosiddetti Peba. I Piani per l'Accessibilità sono gli strumenti da cui ogni comune dovrebbe partire per programmare gli interventi necessari a rendere liberamente accessibili spazi, edifici e servizi.

É stato questo il tema al centro del convegno che si è tenuto stamattina a Montecatini Terme presso le Terme Tettuccio. All'incontro è intervenuto l'assessore regionale al welfare Salvatore Allocca: 'Il concetto di accessibilità ' ha detto l'assessore durante la tavola rotonda a conclusione dell'incontro ' è in continua evoluzione. L'accessibilità è da intendersi non più soltanto in riferimento alle barriere fisiche ma anche a quelle sensoriali, un concetto perciò molto più ampio che racchiude soprattutto quello di partecipazione. Anche la differenziazione tra abili e diversamente abili secondo me va superata, perchè tutti i cittadini, in un senso o nell'altro, sono diversamente abili. Dobbiamo semmai sviluppare una cultura che non si rivolga soltanto alla maggioranza dei cittadini ma che faccia della garanzia dei diritti a tutti e della partecipazione effettiva valori assoluti'.

L'impegno della Regione in materia di accessibilità si è concretizzato negli anni sia sul versante normativo (leggi regionali 47 del 1991, 72 del 1997, 1 e 41 del 2005) che su quello del cofinanziamento di progetti attuati in ambito locale (dal 2001 al 2011 sono stati cofinanziati 592 progetti con circa 19 milioni di euro; per il 2012 c'è un bando ancora aperto che mette a disposizione altri 3 milioni di euro). Ma anche attraverso la sperimentazione di percorsi formativi rivolti al personale tecnico dei comuni, delle province, delle Asl e delle comunità montane, l'emanazione di linee guida per omogeneizzare conoscenze e informazioni e la costituzione di un tavolo regionale con il coinvolgimento di varie realtà locali. Altri passi importanti sono stati l'attivazione di una sperimentazione con la provincia di Pistoia, a cui è stata affidata la gestione del progetto Liberaccesso (percorso di ricerca e azione per la stesura degli indirizzi per l'elaborazione dei Piani per l'Accessibilità) dal quale è scaturita la pubblicazione presentata stamattina, la creazione del Centro di Documentazione Regionale sull'Accessibilità (in sigla Crid), con sede a Scandicci presso la Scuola Nazionale Cani Guida per ciechi, per diffondere una cultura dell'accessibilità e fornire informazioni per il miglioramento delle condizioni di vita di soggetti con disabilità, la messa a punto (con sperimentazione che partirà nel 2013) del progetto Mirto per facilitare l'accesso in auto nelle Ztl da parte delle persone disabili.



« torna alla lista

CERPA Italia Onlus Sede Legale via Palermo, 23/B - 38122 Trento (I) - tel. +39 0522 1710055
P.Iva 01494480229 - C.f. 96033140227 - Privacy Policy - Credits
Network Cerpa