A- A+
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Guarda il nostro canale su YouTube RSS
Home » News » disMappa: in una mappa la Verona accessibile
 
Verona - 01.06.2017
TURISMO
disMappa: in una mappa la Verona accessibile

Mappare i luoghi e gli eventi nel centro storico di Verona accessibili anche alle persone che si spostano su sedia a rotelle. È l’obiettivo di disMappa, il progetto di Nicoletta Ferrari, fotografa e presidente dell’omonima associazione di promozione sociale, online dal 2012. “Sono ritornata a vivere in centro storico dopo alcuni anni e mi sono resa conto dei miglioramenti in termini di accessibilità di Verona, il problema era che, a parte per quel che riguardava l’Arena, il più conosciuto monumento della città, non se ne parlava molto”, spiega Ferrari che è in sedia a rotelle dal 1989 a causa di un incidente e testa personalmente tutti i luoghi mappati sul sito.

Il sito “disMappa” è nato per valorizzare il centro storico di Verona, “e dare informazioni alle persone disabili che viaggiano, magari anche da sole”, aggiunge Ferrari che realizza siti Internet da 20 anni e divide il suo tempo tra un lavoro all’università, la gestione di “disMappa” e la fotografia. Nel sito sono segnalati 500 punti di interesse accessibili tra monumenti, musei, palazzi, piazze ma anche negozi, ristoranti, bar, tutti senza barriere architettoniche o con ausili per superarle in totale o parziale autonomia.

“Accessibilità significa fare in modo che le persone con disabilità possano andare dappertutto e avere le stesse opportunità di tutti gli altri nella vita quotidiana – continua Ferrari –, ovvero muoversi nella città in cui vivono, spostarsi senza difficoltà, uscire di casa”. Le schede di “disMappa” non riguardano solo luoghi pubblici, ma anche attività commerciali e proposte culturali, artistiche, festival e manifestazioni. “Spesso si tende a considerare la persona disabile, ma anche quella non disabile, solo come un consumatore invece che come cittadino – spiega Ferrari –. È per questo che cerco di dare particolare risalto alle opportunità gratuite di svago e intrattenimento, come mostre, presentazioni di libri o incontri”.

Dal 2016 fa parte del progetto anche “Casa disMappa”, una camera per l’ospitalità gratuita di turisti in sedia a ruote in corso Porta Borsari, a cento metri da piazza delle Erbe. “La stanza può essere camera per gli ospiti, con al massimo 3 posti letto, o sala di cortesia per chi si trovasse a Verona per un solo giorno, ad esempio durante una delle tante manifestazioni che si svolgono in città, e avesse bisogno di un luogo di riposo con bagno e doccia”, spiega Ferrari. È possibile prenotare la stanza per un massimo di 3 giorni alla settimana, con l’esclusione dei weekend. “È un luogo che mi piacerebbe trovare se andassi in un’altra città”, aggiunge Ferrari. “Casa disMappa” è stata realizzata grazie alla collaborazione con l’assessorato alle Pari opportunità del Comune di Verona e all’Agec (Azienda gestione edifici comunali) e ha il patrocinio del Comune. 

Nel 2014 l’associazione disMappa ha organizzato una mostra fotografica dal titolo “Cambio di prospettiva” esposta al Palazzo della Gran Guardia in centro a Verona in cui il pubblico è stato invitato a utilizzare la sedia a ruote per guardare le proiezioni per vedere le foto dalla stessa prospettiva dell’autrice, la stessa Ferrari. In quell’occasione sono state proiettate centinaia di fotografie scattate a Verona per documentare il tema dell’accessibilità in modo positivo e propositivo. Nel corso di quella mostra è stata inaugurata la campagna fotografica di sensibilizzazione Accessibile è meglio, che si è evoluta con testimonianze video di protagonisti della scena culturale e della società civile.

Fonte: Redattore Sociale


Tags: dismappa |  verona |  nicoletta ferrari |  accessibilità | 



« torna alla lista

CERPA Italia Onlus Sede Legale via Palermo, 23/B - 38122 Trento (I) - tel. +39 0522 1710055
P.Iva 01494480229 - C.f. 96033140227 - Privacy Policy - Credits
Network Cerpa