A- A+
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Guarda il nostro canale su YouTube RSS
Home » News » Firenze: il museo BeGo per l'accessibilità
 
Castelfiorentino (FI) - 07.07.2017
TOSCANA
Firenze: il museo BeGo per l'accessibilità

Trecentomila euro per essere ancora di più un museo a misura di tutti. Il museo Benozzo Gozzoli (BeGo) di Castelfiorentino si candida a diventare un punto di riferimento per l’accessibilità grazie al piano d’investimento triennale della Fondazione Cassa di risparmio di Firenze. Il BeGo già dal 2013 si distingue tra i musei italiani avendo realizzato percorsi per non vedenti, ipovedenti e con Alzheimer ed avendo coinvolto nei suoi progetti per l’inclusione altri musei della provincia fiorentina. Con il nuovo piano, l’obiettivo è ampliare l’offerta di accessibilità anche per i visitatori non udenti e con disturbi dello spettro autistico e realizzare, inoltre, un centro di sperimentazione e documentazione sull’accessibilità. Dunque un “museo per tutti”, secondo il progetto dell’associazione L’abilità di Milano, cui il BeGo partecipa.

“Questo nuovo progetto si inserisce nei ripetuti interventi che, in questi anni, abbiamo sostenuto per la valorizzazione di alcuni beni artistici e architettonici di Castelfiorentino – ha dichiarato il direttore generale della Fondazione Cassa di risparmio di Firenze Gabriele Gori –. Abbiamo volentieri condiviso questa nuova operazione perché riteniamo che il concetto di accessibilità debba sempre di più accompagnare la fruizione dei beni culturali per rendere la bellezza fruibile ad ogni tipo di utenza ed in particolare alle diverse forme di disabilità”.

Inaugurato nel 2009, il museo BeGo raccoglie gli affreschi e le sinopie di due monumentali tabernacoli che Benozzo Gozzoli, pittore quattrocentesco allievo di Beato Angelico, affrescò nel comune di Castelfiorentino nel 1484 (il tabernacolo della Madonna della tosse) e nel 1491 (il tabernacolo della Visitazione). Il progetto dell’edificio, che ha una superficie complessiva di 400 metri quadrati, è a firma dell’architetto Massimo Mariani.

Secondo il piano d’investimento, nel primo anno si farà un centro di sperimentazione e documentazione sull’accessibilità, che attraverso una piattaforma web permetta lo scambio e la condivisione di progetti e informazioni sul tema dell’accessibilità museale. A seguire, il focus dell’intervento si sposterà sull’abbattimento delle barriere per i visitatori non udenti, per i quali saranno realizzate audioguide in Lingua italiana dei segni, e per le persone con disabilità intellettive e con disturbi dello spettro autistico, grazie all’organizzazione di offerte e percorsi specifici.


Tags: bego |  benozzo gozzoli |  castelfiorentino |  accessibilità museale | 



« torna alla lista

CERPA Italia Onlus Sede Legale via Palermo, 23/B - 38122 Trento (I) - tel. +39 0522 1710055
P.Iva 01494480229 - C.f. 96033140227 - Privacy Policy - Credits
Network Cerpa